La Maddalena


Vai ai contenuti

Menu principale:


Le spiagge di Caprera

Caprera

LINK AMICI

www.liberissimo.net
Notizie flash su La Maddalena, attualità, inchieste, cronaca, sport ed interviste.

www.bblamaddalena.it
Sito web dedicato ai bed and breakfast presenti nell'isola di La Maddalena.

www.guardiavecchia.com
New's, informazioni e satira dall'Isola di La Maddalena.

www.lamaddalena.com
Sito dedicato all'intero gruppo di isole, si propone come una guida a tutte le notizie che lo riguardano.

www.lamaddalenatv.it
Web TV dedicata all'isola della Maddalena.

www.correntetv.it
Web Tv dell'isola di La Maddalena.

www.sardegnanord.com
Il mare e le risorse marine del nostro arcipelago.

www.cronacheisolane.it
Storie, notizie curiose e inedite dell'arcipelago di La Maddalena.

www.discoverlamaddalena.com
Is a touristic enterprise operates in Northern Sardinia, mostly in La Maddalena.

www.lamaddalenatravel.it
Portale di prenotazione online.




Con il suo sviluppo costiero di 45 km, Caprera è la seconda isola dell’arcipelago.

Conosciuta in tutto il mondo per aver ospitato Giuseppe Garibaldi, risulta sprovvista, a differenza di La Maddalena, di un circuito stradale che permette di seguire da vicino l’andamento della linea di costa e di giungere facilmente alle spiagge.

Dopo essere arrivati sull’isola, seguendo le indicazioni per Stagnali, una strada, asfaltata nel primo tratto, porta fino alla piccola penisola di Punta Rossa. Qui si trova l’inusuale spiaggia del Relitto, dove inaspettatamente emerge dalla bianca battigia lo scheletro ligneo di un’antica imbarcazione.

Percorrendo a ritroso la strada principale verso nord, alla fine del tratto sterrato, incontriamo le spiagge dei Due Mari, poste l’una alle spalle dell’altra.

Per raggiungere le altre calette della costa orientale occorre seguire dei sentieri più o meno scoscesi. La più nota è sicuramente Cala Coticcio (Tahiti) ricca di fauna marina grazie al divieto assoluto di pesca, sportiva e professionale.

Anche la costa nord-occidentale presenta scorci e angoli particolarmente suggestivi e solitari, ma raggiungibili soltanto via mare o percorrendo sentieri talora anche impervi.

CALA ANDREANI


La spiaggia di Cala Andreani si trova nella costa meridionale dell'isola di Caprera; è costituita da una sabbia fine, molto bianca e bagnata da un mare trasparente, con bassi e chiari fondali. Dal mare emergono alcuni scogli di granito rosa, ricoperto da una verdeggiante vegetazione. La cala è circondata da una natura incontaminata e ciò le conferisce una bellezza selvaggia. La spiaggia si sviluppa leggermente in salita e, nella zona retrostante, è occupata da numerosi e ampi cespugli, utilissimi per chi vuole trascorrere l'intera giornata al mare: offrono ombra e riservatezza.

Come arrivare.

Una volta superato il ponte di Caprera, si prosegue avanti nel rettilineo. Al secondo incrocio si svolta a destra, proseguendo sempre dritto sulla strada asfaltata. A un certo punto inizia la strada sterrata e, andando sempre avanti, si arriva all'estremo sud dell'isola. Giunti a un rettilineo cieco, davanti al cancello di Punta Rossa, si deve parcheggiare e, da questo punto, si prosegue a piedi per un piccolo sentiero sulla sinistra.

CALA COTICCIO o Tahiti

La spiaggia di Cala Coticcio, anche chiamata Tahiti per la sua esoticità, il meraviglioso colore e la spettacolare limpidezza delle acque, si trova sulla costa orientale (nord-est) dell'isola di Caprera. È una delle più belle in assoluto di tutto l'Arcipelago. La cala è ricoperta da una sabbia fine molto bianca ed è protetta da rocce rosate, tra cui si possono trovare piante di erica, lentisco, cisto e ginepro. La cala è sotto tutela del Parco, che ne consente la balneazione ma ne vieta severamente la pesca. La spiaggia può essere raggiungibile via mare o via terra (attraverso un sentiero un po' tortuoso).

Come arrivare.

Attraversate il ponte di Caprera e proseguite sempre dritti fino al bivio che indica sulla vostra destra “Stagnali” o “Equiturismo Cavalla Marsala” o “Museo Mineralogico” ecc. Girate a destra seguendo queste indicazioni e svoltate alla prima strada a sinistra che incontrerete sul percorso. Seguite sempre dritti questa strada e dopo aver percorso circa 1,5 Km sulla vostra destra (qualche centinaio di metri prima del fortino) vi troverete in prossimità del parcheggio di Cala Coticcio (non asfaltato). Dal parcheggio parte un sentiero evidente (sembra il letto di un piccolo torrente) con segnavia bianchi e rossi lungo il cammino che conduce alla spiaggia. Seguitelo non facendovi mai allettare da altri piccoli sentieri che vanno verso il mare. Arriverete ad un punto dove sul sentiero a terra una freccia di sassi indica di svoltare a sinistra. Fatelo e vi troverete davanti ad alcune grosse rocce da discendere (un piccolo dirupo) niente di che ma fate attenzione !
A questo punto sulla vostra sinistra vi è una spiaggia piena di detriti portati dal mare . Voi proseguite sulla vostra destra il sentiero e dopo un po’ ….. la prima spiaggia che vedrete è Cala Coticcio !
Meravigliosa , ma non perdetevi la seconda , a nostro avviso ancora più bella … Per cui scesi nella prima spiaggia , faccia al mare sulla vostra sinistra proseguite tra le rocce il cammino e vi ritroverete in un’altra spiaggia che sa di paradiso (Thaiti).
Particolarità : visibili soprattutto dal mare (superate le boe a nuoto) le maestose rocce che fanno da sfondo alla cala sono veramente una meraviglia della natura.
Tempo di percorrenza sentiero a piedi : 1 ora circa (dipende dal vostro allenamento).
Difficoltà del Percorso : media/impegnativa.
Caratteristiche : una delle più belle spiagge di tutto l’arcipelago … acqua cristallina , fondali pieni di pesci (per chi ama lo snorkeling un divertimento assicurato) , sabbia bianca finissima.
Consigli : il sentiero è lungo circa 1/ 1,5 km., con un dislivello sia in discesa che in salita di circa 100 mt.
Si consigliano delle scarpe da ginnastica o dei sandali da Trekking.
Il ritorno è chiaramente più impegnativo , soprattutto dopo una giornata di mare e bagni (che siamo sicuri saranno tanti!). Portatevi il minimo indispensabile ma non lesinate sull’acqua ! Non troverete molti punti d’ombra nelle spiagge … è perciò consigliato un piccolo ombrellone.
Nelle giornate estive più calde il nostro consiglio è di partire di buon mattino. Sono a ridosso principalmente dal Maestrale ma anche dagli altri venti, in faccia però a Scirocco e Ostro.

Loading

Home Page | Città | Arcipelago | Maddalena | Caprera | Spargi | Budelli | Santa Maria | Razzoli | Santo Stefano | Parco Nazionale | Natura isolana | Cultura isulana | Lingua isulana | Musica isulana | Poesia isulana | Turismo | Ospitalità | Mangiare e bere | Nautica | Noleggio | Immobiliare | Lifestyle | Itinerari | Escursioni | Diving isolani | Beni culturali | Sagre isolane | Eventi isolani | Musei isolani | Fortezze | Chiese isolane | Settecento | Ottocento | Novecento | Duemila | Isolanità | Storia isolana | Curiosità isolane | Com'era l'isola | Meteo dall'isola | Amici isolani | Maddalenini | Personaggi | Eroi isolani | Studiosi isolani | Politici isolani | Famiglie isolane | Visitatori | Ricordi isolani | Libri e ricerche | Futuro isolano | Inediti isolani | Granito e cave | Ex Arsenale | Guerra | Speciali isolani | Racconti isolani | Maddalena Antica | Garibaldi | Maggior Leggero | Lia Origoni | Gianmaria Volonté | Franco Solinas | Domenico Millelire | Tomaso Zonza | Angelo Tarantini | Horatio Nelson | Benito Mussolini | Cinema | Teatro | Cerca nel sito | News | Video | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu